SeeStan ChapLee

Wednesday, March 11, 2015

Tolkien, "The Fall of Arthur" 2: 54-69

Mordred allora andò giù;   tutti tremarono
al vedere il suo volto duro,   fradicio di pioggia,
e i capelli scarmigliati.    E digrignando i denti,
disse: "Gremite di gentaglia   questo castello
solo perché una barca   attracca nella tormenta?"
Interloquì Ivor:   "Mandato da voi in missione,
il capitano frisone   s'è affrettato dalla Francia
sulle ali del libeccio,   ligio alla consegna,
sfidando i Fati.   E i Fati lo hanno affondato.
La sua nave sta là,   spezzata sulla spiaggia;
al limitare della morte   lui giace gemendo.
Gli altri, annegati".   Al primo albeggiare,
il corsaro rosso   ripagò il prezzo degli anelli
d'oro datigli, prima   di andare all'Averno.
Non chiese di confessarsi   a qualche chierico,
ma poche parole   rivolse al suo signore:
. . .