SeeStan ChapLee

Sunday, March 15, 2015

Tolkien, "The Fall of Arthur" 2: 70-93

"Cradoc, quel dannato,   remigando fino al Re
(ha spezzato la tua pania)   purtroppo notizie
là all'est in Almain   troppo in anticipo
ha portato di Britannia.   Invano complotti:
alle orecchie di Arthur   già tutto è risaputo
dei tuoi atti e armeggi.   Arde l'ira del Re,
che ri-corre in patria   trascinandosi eserciti,
rapido come procella,   dalle plaghe romane.
Novemila uomini   già galoppano verso il mare:
sulle coste settentrionali   fluttua la sua flotta,
e Whitesand di scafi,   di chiatte, di barconi,
di martelli marinari,   di marinai schiamazzanti,
di clangori di corazze,   di cavalieri frementi
squilla e risuona.   Ora vedi e provvedi!
Meravigliosi, dalle murate   splendono scudi
dagli emblemi vermigli,   esortando alla guerra.
Sulle acque aspettano   loro, e il veloce vento:
come levrieri al laccio   i legni strattonano
gomene che garriscono.   Corri alle coste orientali!"
Radbod il Rosso,   corsaro cuor-di-leone,
mente miscredente   e adoratore dell'odio,
morì, com'era suo destino,   in un'algida alba.
Lo buttarono a mare,   immemori dell'anima
che avrebbe vagato   senza dimora sulle acque.