SeeStan ChapLee

Sunday, May 3, 2015

Tolkien, "The Fall of Arthur" 3: 124b - 142

                    Pena provò Arthur
nella cella del cuore;   la sua casa gli sembrò
ingrigita nella gioia,   alterata nell'allegria,
per la improvvida perdita   del prode cavaliere.
Non da solo sul suolo   natio oltre la Manica
andò Lancelot:   erano parecchi e potenti
i signori del suo sangue.   Alte sugli alberi
le bandiere di Blamore   e di Bors il forte,
di Lionel, Lavain   e del leale Ector,
beniamino di Ban.   Veleggiarono a Benwick
abbandonando la Britannia.   Mai più in battaglia
in aiuto di Arthur   sguainarono le spade;
ma sui bastioni di Ban,   alti e arroccati,
sedettero di sentinella   scordando la guerra,
assistendo amorevolmente   Lancelot, loro Lord,
nei giorni dell'angoscia,   che era grande.
Aveva tradito il Re   arrendendosi ad Amore,
ma abbandonando l'amore   non riebbe il Re,
e adesso lo separava   dall'amore il mare.